TRUCIOLI SAVONESI
Settimanale Anno XV
Numero 674 del 28 luglio  2019
Tel. 346 8046218
 TRUCIOLI TORNERA'
L'8 SETTEMBRE
BUONE VACANZE
La minaccia termica Stampa E-mail
Scritto da Davide Frumento   
La minaccia termica
Quando preferire il metano serve a tasche ed ambiente

Questa settimana trascurerò le questioni professionali e politiche, dirottando su tematiche economiche ed ambientali; intendo informarvi operando una serie di considerazioni sottovalutate ed accantonate perchè etichettate come “i soliti luoghi comuni”.

In tempi di crisi energetica ed emissioni ormai insostenibili a causa della combustione del carbone è necessario mettere al bando, per quanto possibile, i dispositivi di riscaldamento elettrici, che la maggior parte della cittadinanza crede ad alto risparmio.

Nel momento in cui si ha bisogno di riscaldare una stanza soltanto, di ridotte dimensioni magari, si ricorre spesso alla classica stufetta ad incandescenza (la quale sfrutta una resistenza elettrica per produrre calore) preferendola all'utilizzo dell'impianto autonomo perchè l'impressione è quella di fare economia evitando il consumo di gas metano. La stufetta elettrica è solitamente disponibile come corpo scaldante statico, una sorta di termosifone elettrico, o come ventilatore ad aria calda che può raggiungere, per modelli di modeste dimensioni, l'elevata potenza nominale di 2 kW. Per mantenere una temperatura confortevole all'interno di un soggiorno di 10 mq, diciamo per lo spazio temporale di una serata davanti al televisore, dovremmo mantenere in funzione la stufetta per circa 3 ore, consumando quindi 6 kWh (cioè 2 all'ora). Utilizzando invece l'impianto autonomo con caldaia a gas metano, il consumo energetico raggiunto riscaldando solamente il termosifone del soggiorno scenderebbe a 1.40 kWh (cioè 0.47 all'ora), con un risparmio del 76%. In termini monetari la serata costerebbe 1.26 € nel primo caso e 8 centesimi nel secondo. Non c'è bisogno di fare proporzioni su scala annua per comprendere quanto il tipo di energia utilizzata possa incidere sul bilancio di bolletta, cosa che dovrebbe far riflettere molti utilizzatori di riscaldamento ad energia elettrica.

A livello ambientale tutto ciò risulta ancor più impattante, perché per ogni kWh elettrico utilizzato presso la propria abitazione la centrale ha la necessità di consumarne 2,18 bruciando carbone, con un rapporto del 118%. La serata in soggiorno comporterebbe quindi la combustione di 7 etti di carbone, che causerà l'emissione in atmosfera di 4,5 kg di anidride carbonica (contro gli 0.28 kg emessi consumando gas metano).

Sperando che l'informazione arrivi con il massimo impatto, vi invito quindi alla messa al bando del riscaldamento elettrico in favore di quello a metano, anche parlando di boiler e scaldabagno. L'energia non viene prodotta gratuitamente, ma in massima parte grazie al combustibile fossile, costituendo un'alternativa eco-sostenibile in fatto di automobili ed una scelta troppo inquinante in materia di resa termica. 

Davide Frumento 
 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 




Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli



Banner


dal 22 Novembre 2004

Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information