Il riciclo è a colori

A Casarza Ligure il riciclo è a colori!  
Un esempio di civiltà nato in un piccolo comune

A Casarza Ligure il riciclo è a colori!  
Un esempio di civiltà nato in un piccolo comune
 
Da pochi mesi nel Comune di Casarza Ligure, in provincia di Genova, è attivo un nuovo modo di riciclare i rifiuti domestici. Il Sindaco Claudio Muzio ha inviato a tutte le famiglie una lettera correlata da un depliant per illustrare il nuovo “Alfabeto del Riciclo”.

Si tratta di un progetto innovativo atto a sensibilizzare e a educare tutti i cittadini nei confronti della necessità di riciclare il più possibile i materiali che ogni giorno vengono scartati. L’“Alfabeto del Riciclo” funziona in questo modo: ogni tipo di rifiuto, dal più ovvio come la carta ed il vetro, al meno scontato coperchio dello yogurt, viene elencato in ordine alfabetico e abbinato ad un simbolo colorato. Ogni simbolo colorato, a sua volta, corrisponde an un diverso raccoglitore di rifiuti. Questa iniziativa va a completare l’offerta delle compostiere, proposta lo scorso anno, dedicata ai proprietari di terreni. Scorrendo l’alfabeto si scoprono molti aspetti interessanti: un esempio su tutti, i barattoli che hanno contenuto vernici non possono essere smaltiti insieme ad altri metalli, ma vanno smaltiti a parte, a cura dell’Ecocentro, struttura pubblica demandata a questi compiti. Con una semplice telefonata gratuita all’Ecocentro è così possibile potere smaltire in modo rispettoso per l’ambiente metalli, batterie e qualunque altro manufatto ingombrante. Un esempio di civiltà nato in un piccolo comune e che si spera sia assunto a modello anche da città più grandi, con risorse economiche non sempre ben impiegate.

Alessio Ganci

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.