Egitto: arresto, reale e con tanto di manette, dell’artista robot Ai-Da

ROBOT. Potrebbe essere una storia uscita dalle pagine affascinanti di Isaac Asimov, celebrato autore di fantascienza. Invece è esattamente l’opposto e per nulla affascinante l’arresto, reale e con tanto di manette, dell’artista robot Ai-Da, sospettata dalle autorità egiziane di essere una spia e trattata come fosse un bandito in carne ed ossa. L’umanoide, considerata il più sofisticato intreccio di computer e cavi in grado di rielaborare la realtà e interagire con gli umani, è stata tenuta in cella per ben dieci giorni e ne è uscita solo dopo l’intervento dell’ambasciatore inglese. Figlia di un progetto innovativo che unisce arte e intelligenza artificiale, Ai-Da è ormai famosa nel mondo per i quadri che dipinge ed espone regolarmente in mostre molto frequentate. La paradossale vicenda ha dell’inverosimile e rivela aspetti inquietanti nel misurare fino a che punto possa spingersi la burocrazia se è addirittura capace di arrestare un robot, ovvero la “creatura” che nei suoi racconti Asimov definisce il migliore amico dell’uomo.

Renzo Balmelli da Avvenire dei lavoratori

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *