Cristina Ricci

Un saggio di Cristina Ricci: “Lidia Poët. Vita e battaglie della prima avvocata italiana, pioniera dell’emancipazione femminile”

La scrittrice Cristina Ricci ha scritto un saggio su Lidia Poët la prima avvocata d'Italia, pioniera dell'emancipazione femminile. Il saggio esamina ...
Leggi Tutto

27 gennaio 1944

Un racconto di Cristina Ricci 27 Gennaio 1944 ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, cultura

IA – L’Acronimo del mondo che verrà

IA – L’Acronimo del mondo che verrà ...
Leggi Tutto
/ attualità, Cristina Ricci

L’Italia che verrà

L’Italia che verrà ...
Leggi Tutto
/ attualità, Cristina Ricci

Sciopero, e poi?

Sciopero, e poi? ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, politica

Coronavirus, le regioni in via d’estinzione

Coronavirus, le regioni in via d’estinzione ...
Leggi Tutto
/ attualità, Cristina Ricci

Poltrone e privilegi

Poltrone o privilegi ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, politica

Tipologie di malati a confronto

Tipologie di malati a confronto ...
Leggi Tutto
/ attualità, Cristina Ricci

La famigliola

Un racconto di Cristina Ricci La famigliola ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, cultura

Gialli fino a quando?

Gialli fino a quando? ...
Leggi Tutto
/ attualità, Cristina Ricci

Epidemia nella nostra regione: dati a confronto

Epidemia nella nostra regione. Questa settimana mettiamo a confronto i dati con quelli della settimana scorsa ...
Leggi Tutto
/ attualità, Cristina Ricci

Siamo Sindaci o caporali?

Siamo Sindaci o caporali? ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, politica

Ecco tornare la visualizzazione dell’epidemia in Liguria

Ecco tornare la visualizzazione dell'epidemia nella nostra regione. I dati considerati nell'intervallo dal 24 febbraio al 23 ottobre ...
Leggi Tutto
/ attualità, Cristina Ricci

Ma non dovevamo diventare più buoni?

Ma non dovevamo diventare più buoni? ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, politica

TikTok. Chi bUSsA? Trump e la democrazia

TikTok. Chi bUSsA? Trump e la democrazia ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, politica

Baika. Un racconto di Cristina Ricci

Baika Oggi sono finalmente diventato grande, però non so proprio se mi piace. Devo ancora capirlo ...
Leggi Tutto
/ altre, Cristina Ricci

Cosa accade il 27 settembre 1961?

Cosa accade il 27 settembre 1961? ...
Leggi Tutto
/ altre, Cristina Ricci

Ricordi d’estate

Ricordi d'estate ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, cultura

A squola di Covid

A squola di Covid ...
Leggi Tutto
/ attualità, Cristina Ricci

Due proposte di letture estive

Letture estive In attesa di ritrovarci a settembrevi propongo due letture estive ...
Leggi Tutto
/ Cristina Ricci, cultura
Loading...

Cristina Ricci

Parole che non leggerai

Un  racconto di Cristina Ricci*

in 5 parti

Cap. 1/5

Ancora una volta qui; a scriverti parole che non leggerai. Parole che ieri non leggevi perché io non avevo il coraggio di spedire.

Parole che oggi non ascolterai.

Non le affiderò a quel filo sottile che magicamente le portava a te, sono stanca di attendere una risposta che non giungerà.

Ancora una volta scrivo per te; o meglio per me.

Scrivo per me, scrivo a te.

La mia strizzacervelli dice che scrivere è, per me, una terapia.

Tirare fuori queste lettere disordinate che sono stipate da qualche parte dentro me.

Forse ha ragione.

La mia strizzacervelli dice che scrivere è, per me, un modo per riordinare le idee.

Io non lo so.

Riordinare queste disordinate lettere stipate nel cuore o nella testa a seconda del lato della medaglia che guardo. Il lato dell’emozione o quello della razionalità.

La mia strizzacervelli dice che scrivere è, per me, un modo di mettere in chiaro le cose.

Non so.

Sento solo questa cascata che ha bisogno di uscire.

Sento solo quest’energia che si riversa nei polpastrelli e li solletica.

Energia che si spegne premendo freneticamente i tasti.

Energia che va a sfiorare le lettere giuste e compone queste frasi.

Queste frasi che non avranno neppure la dignità di essere custodite da una bottiglia e affidate alla corrente, certe che prima o poi toccheranno terra e saranno accolte.

Energia che compone parole su parole mentre il mio sguardo è fisso nel vuoto.

Perso nel vuoto, non concentrato sulla tastiera alla ricerca della lettera.

Perso nel vuoto, non fisso sul monitor per controllare l’ortografia.

Punti, linee, curve, cerchi.

Simboli.

Simboli che compongono lettere, parole, frasi, discorsi.

Simboli che rincorrono a fatica i miei pensieri e li fissano qui, in balia di un black-out improvviso che può farli svanire.

Svanire, svaporare nel nulla,  come non fossero mai esistiti,

come se non avessi mai provato amore per te,

come se nulla fosse stato,

come se non ci fosse ragione di asciugare questi occhi che invano cercano di non bagnarsi,

come se io potessi ancora stringerti,

come se io potessi ancora sentire il tuo sapore,

come se…

come se lei non ti avesse portato via.

Via, lontano da me.

Il racconto proseguirà nelle prossime 4 settimane

  

 *Cristina Ricci, quarantun anni, abita a Spotorno,  ha  pubblicato il suo primo romanzo (La montagna d’acqua – ed. Il Filo, Roma), un altro recentemente finito e tanta voglia di scrivere.

A questo “scarno” curriculum si può aggiungere la collaborazione con il blog dell’Udi Savonese per il quale Cristina Ricci ha scritto alcuni pezzi

 LE AMAZZONI Una nuova generazioni di donne

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.