Chi l’ha vista, aiuti i “potenti”, cercano la “normalità”, disperatamente.

Se la classe politica è costretta a mettere riparo all’impoverimento della classe operaia, può sempre imputare il fallimento della sua politica ai negrieri del mercato, agli odiatissimi padroni: sfruttatori, truffatori, evasori, avvelenatori, corruttori e insaziabili rapaci. Vedi Italia.
Ma se decenni di malgoverno hanno già messo in crisi l’intero sistema socio-economico, e oltre agli operai vanno aiutate le imprese per evitare Il tracollo totale, un capro espiatorio credibile a cui addossare la responsabilità delle imprese che licenziano e falliscono a grappoli, la classe politica dove accidenti va a pescarlo?
Non potendo addossare la responsabilità della politica finanziaria e tributaria ammazza padroni ai lavoratori privati, a memoria d’uomo vittime dei padroni, diventa evidente anche allo scemo del paese, che il vero problema è lo Stato elefantiaco: burocraticamente parassita e inadempiente, politicamente ladro e finanziariamente strozzino, che toglie, sperpera e ruba, più di quanto consenta ai cittadini di produrre. Sui danni ambientali meglio stendere un velo pietoso.
E visto che è la politica che ha messo in ginocchio l’Italia molto prima del covid, azzardo una ipotesi: i libri contabili in tribunale per farsi dichiarare falliti, devono continuare a portarli per altri tre quarti di secolo i piccoli imprenditori vittime, oppure la totale responsabilità dovrebbero addossarsela i carnefici pubblici, da sempre esenti come fossero interdetti o inabilitati? Ma questa, è domanda da miliardi di dollari condannata a restare senza risposta da qui all’estinzione dell’umanità.
I soggetti condannati a norma di legge alla rapina finanziaria e tributaria, al fallimento per colpa altrui e alla inevitabile morte sociale sono i piccoli e medi imprenditori.
Le galline del finto libero mercato che in Italia vengono selezionate e allevate per garantire guadagni, privilegi e potere a professionisti, burocrati, politici e banchieri che non buttano via niente.
Quando le galline, spolpate vive dai parassiti statali e parastatali, smettono di fare uova, di pagare tassi e tasse, le dichiarano fallite e se le ripuliscono come una lisca di pesce da onestissimi compagni di merende.
Ecco perché i nostri politici si agitano per tornare presto alla “normalità”.
Dopo due anni di pandemia il pollaio dei piccoli imprenditori si va svuotando pericolosamente e l’esercito dei disoccupati lievita altrettanto.
Bisogna conservare l’economia e il sistema sociale produttivi pompando aiuti ed esenzioni alle imprese, cassa integrazione ai disoccupati e per ultimo reddito di cittadinanza agli inoccupati.
Ma tutto questo, col buongoverno e la “normalità” ci azzecca quanto i cavoli a merenda. Perché nei sistemi liberali devono essere i contribuenti a finanziare lo Stato.
Se hanno bisogno di essere tenuti in vita artificialmente manco fossero malati terminali; dal giudice per consegnare i libri contabili e farsi dichiarare falliti dovrebbero correre i politici, i burocrati, e i banchieri, mai gli imprenditori, che dei popoli liberi sono il motore culturale, sociale, economico.
Franco Luceri da il rebus della cultura

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *