Category Archives: Politica

LETTERA DI UN COMPAGNO LIGURE A UN CAMERATA LABRONICO

Prof. Lisorini, voglio ben sperare che lei non si offenda se la chiamo “camerata” , allo stesso modo nemmeno io mi offendo sentendomi chiamare continuamente “compagno” (sia pure indirettamente, ma essendo anch’io effettivamente un compagno non posso non sentirmi chiamato in causa ogni qual volta

Tertium non datur, a chi non lo cerca!

Chi insegna ai popoli il bene e il male, non li aiuta a vivere ma a suicidarsi. Almeno nell’ultimo secolo il mondo della cultura ci ha insegnato che politica significa soluzione dei problemi. Falso. Non c’è popolo al mondo che non abbia dovuto prendere atto

Reati d’opinione e guerra alle parole

Sorprende che ci si sorprenda se nell’Egitto di Al Sisi, che è per costituzione  una repubblica islamica, se un esponente della minoranza cristiano copta si azzarda  a rendere pubbliche le sue rimostranze per le discriminazioni di cui  sono vittime  i non musulmani, non solo legittimate

LA CITTA’ di SAVONA è SPORCA ma…………

Il grande sviluppo economico della nostra città iniziava  a metà dell’800, quando i savoiardi Tardy & Benech avevano trovato in Savona la location ideale per insediare il loro progetto di fonderia, che avrebbe portato la nostra città nel novero delle città più industrializzate del nuovo

La testa non serve, se la mano non fa.

Per come siamo ridotti in Italia, verrebbe spontaneo pensare che oltre ai “potenti” centrali e regionali della politica, burocrazia e giustizia, che salvo rare eccezioni ormai non cavano un ragno dal buco, manco se il ragno fa tutto da sé; tra i 7982 sindaci italiani,

MUGUGNI” CONSIDERAZIONI SENZA SCOPO

Sfogo di un vecchio cavadenti che si sente oppresso da una burocrazia onerosa e inconcludente Quarantatré anni attaccato ad un riunito cominciano ad essere tanti. Eppure ogni mattina continuo a recarmi in studio con un certo entusiasmo. Il rapporto con il paziente continua a darmi

NON CONVIENE SPUTARE CONTROVENTO

Potrà sembrare strano al giorno d’oggi in cui tutti rivendicano il diritto di esprimersi come meglio credono e soprattutto  di pensare quello che si vuole senza incorrere nella censura di qualche magistrato bacchettone o della stampa mainstream. Vero; ma il problema sorge quando dalle parole